Luoghi da visitare a Sarzana, in Liguria e dintorni

Fortezza di Sarzanello

Sarzana (SP)

Posta al centro della Lunigiana, la città di Sarzana fu da sempre crocevia di importanti vie di comunicazione tra la Liguria, la Toscana e l'Emilia-Romagna. Centro agricolo, commerciale e strategico, nella sua storia ha visto susseguirsi numerose dominazioni di cui rimane traccia nei palazzi storici, nelle pievi, nella cattedrale, nelle architetture militari come la Fortezza di Sarzanello, la Cittadella (Fortezza Firmafede), le porte ed i torrioni che caratterizzano la ricca architettura di questa città in cui, durante l'anno, si susseguono numerosi eventi di rilievo internazionale. Una nota di merito spetta anche alla cucina sarzanese che propone piatti come la farinata, le focacce, i testaroli. Dolce tipico di Sarzana è la Spongata, una torta costituita da pasta sfoglia e ripiena di frutta e marmellata. Nei dintorni di Sarzana si producono inoltre degli ottimi vini bianchi, come il famoso Vermentino delle colline di Luni. 

Borgo di Portovenere

Portovenere (SP)

Dal 1997 patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, insieme alle isole Palmaria, Tino, Tinetto ed alle Cinque Terre che compongono il "Parco Naturale Regionale di Portovenere", Portovenere è un bellissimo borgo situato nella parte più occidentale del Golfo di La Spezia. Scelto come luogo di soggiorno e di ispirazione dal poeta inglese Lord Byron, si distingue per le sue meraviglie paesaggistiche e per il fascino delle architetture tra le quali la Chiesa di San Pietro che si erge su un basamento di roccia a picco sul mare, il castello, la torre capitolare, la cinta muraria. Nei mesi estivi alcuni traghetti lo collegano con Lerici, La Spezia e le Cinque Terre ed è attivo un servizio di trasporto, tramite barcaroli, per la vicina isola della Palmaria. Portovenere è una delle borgate marinare che ogni anno partecipano al Palio del Golfo; in occasione della Festa della Madonna Bianca, tutto il borgo viene rivestito di fiori e ghirlande e il promontorio illuminato da migliaia di candeloni mentre la processione si snoda per il borgo.

Vernazza

Le Cinque Terre

Riomaggiore, Corniglia, Manarola, Vernazza, Monterosso, sono i cinque borghi medievali arroccati sul mare che si articolano su un frastagliato tratto di costa della riviera ligure di levante, parco naturale e dal 1997 Patrimonio dell'Umanità tutelato dall'UNESCO. In un paesaggio ricco di grotte, insenature, baie, picchi rocciosi l'opera di antropizzazione che l'uomo ha portato avanti nei secoli è stata condotta in perfetta sintonia con l'ambiente e nel rispetto delle biodiversità. I caratteristici muretti a secco che connotano il paesaggio, formano i terrazzamenti su cui vengono coltivati vite e olivo. Meta molto ambita dal turismo balneare, le Cinque Terre sono anche centro di interesse per forme di turismo sempre più nuove legate alla cultura locale e alla possibilità di praticare sport in un territorio abbondante di ricchezze naturali. Famose per le prelibatezze culinarie tipiche del luogo come la pasta al pesto, le torte d'erbe e la torta di riso, anche nel settore enologico, le Cinque Terre si distinguono per la particolare produzione di vini quali il bianco 5 Terre e soprattutto lo sciachetrà, un vino passito ottenuto dalla fermentazione di uve lasciate asciugare su tralicci, simbolo commerciale di queste terre, unico e prodotto solamente in questo territorio.

Lerici

Lerici

Situato nella Riviera di Levante sulla sponda orientale del Golfo della Spezia, il Borgo di Lerici sorge al centro di una piccola insenatura naturale, dominata da un promontorio su cui spicca l'imponente castello, oggi sede museale.
Il Borgo, parte integrante del Parco naturale regionale di Montemarcello-Magra, si caratterizza per le tipiche abitazioni allineate lungo gli stretti vicoli, le splendide insenature, le baie, il suo bellissimo mare e le spiagge cui anche quest'anno è stata conferita la Bandiera Blu per la qualità.

Il Borgo di Pontremoli

La Lunigiana

Regione storica italiana i cui confini si articolano tra Liguria e Toscana, la Lunigiana trae il proprio nome dall'antica città di Luni, che, situata alla foce del fiume Magra, in epoca romana fu il porto più importante del Mar Ligure. Le tracce millennarie della storia di questa meravigliosa terra racchiusa tra gli Appennini, le Alpi Apune e il Mar Ligure sono presenti ovunque. Dalle misteriose statue stele dei Liguri-Apuani, ai siti archeologici romani, dalle pievi romaniche ai numerosi castelli e borghi medievali, ai palazzi barocchi.
Durante la Seconda Guerra Mondiale fu attraversata dalla Linea Gotica, proprio per la sua ubicazione il territorio fu uno dei più importanti terreni d'azione delle formazioni partigiane, dilaniato da numerosi e terribili eccidi, rappresaglie tedesche e fasciste nei confronti delle popolazioni civili. La storia di questa terra si ritrova anche negli ingradienti della sua cucina come i Porcini e le castagne, i salumi e i formaggi di pecora e di capra, il pane, il fagiolo di Bigliolo, la cipolla di Treschietto, le mele Rotella e Binotto, l'olio e il miele e nelle numerose sagre, feste e manifestazioni che caratterizzano tutto il territorio.

Le Cave di Carrara

Le Cave di Carrara

Nell'affascinante scenario delle Alpi apuane sorgono i bianchi bacini marmiferi di marmo di Carrara nei quali strade tortuose e ripidissime si inerpicano fino alle vette più scoscese. Dai tre principali bacini di Torano, Miseglia e Colonnata provengono ben sette varietà di marmo (il Bianco, lo Statuario, il Venato, l'Arabescato, il Calacata, il Bardiglio e il Cipollino Zerbino) reso famoso in tutto il Mondo per il suo impiego storico in scultura e in architettura. Visite guidate ci consentono di entrare nelle cave più spettacolari in ambienti suggestivi dove si perde il senso del tempo e delle proporzioni. In passato blocchi di marmo venivano trasportati al piano con un’antica tecnica manuale, la “lizzatura”, che viene rievocata ogni anno durante il periodo estivo. Borghi millenari di cavatori circondano le cave di Carrara ed offrono al visitatore la possibilità di assaporare i piatti tipici della tradizione locale come la pasta e fagioli, il baccalà marinato e il lardo di Colonnata, all'interno di un contesto unico e irripetibile.

Sarzana

  • Provincia: La Spezia (SP)
  • Regione: Liguria
  • Coordinate: 44.018056°, 9.984722°
  • Superficie: 34.3 Kmq.
  • Altitudine: 21 s.l.m.
  • Abitanti: 21910 al 30-09-2010
  • Cap: 19038
  • Prefisso tel.: 0187

È il secondo comune, per popolazione, della provincia della Spezia, sorge nella parte terminale della Val di Magra, in una zona pianeggiante ai piedi della collina di Sarzanello ed è Parte integrante del Parco naturale regionale di Montemarcello - Magra.
Nei pressi di Sarzana scorre il fiume Magra, il cui bacino è alimentato anche dall'affluente sarzanese del torrente Calcandola.

Il centro abitato si trova a pochissimi chilometri dal mare e dal confine con la regione Toscana. La sua posizione geografica ha fatto di Sarzana una vera e propria terra di confine, un punto di contatto tra usanze, tradizioni e storie diverse.

La Liguria

  • Capoluogo: Genova
  • Superficie: 5420 kmq.
  • Abitanti: 1.616.000 al 01-01-2011
  • Provincie: Genova, Imperia, La Spezia, Savona

Situata nel Nord-Ovest della penisola italiana, confina a sud con il Mar Ligure, a ovest con la Francia, a nord con il Piemonte e con l'Emilia-Romagna e a est con la Toscana. La Liguria è una delle regioni più piccole d'Italia, dopo Valle d'Aosta e Molise, ma è una delle più densamente popolate.

Terra ricca di bellezze naturali in cui si fondono la terra e il mare, è caratterizzata da un territorio molto eterogeneo con coste generalmente alte, rocciose e frastagliate, soprattutto nella Riviera di levante. Il periodo storico più importante per la regione è il basso medioevo, durante il quale la regione si sviluppa, a partire dalla prima crociata, attorno alle attività esplorative prima e commerciali poi delle famiglie e degli alberghi genovesi, influenzando comunque la vita di tutto il territorio regionale.